L’arte mia tra ritorno alla pittura e sperimentazione

Branciforte in un momento di esperienza pittorica

Le ragioni della mia esperienza artistica si legano a quell’esigenza, nata negli anni’80, del ritorno alla pittura e all’opera d’arte come esperienza sensibile. Alcuni momenti dell’arte del ‘900 sono stati per me fonte di ispirazione, di suggestioni meditate e luogo di verifica del mio lavoro. Attraverso una sperimentazione stilistica, narrativa e personale, hanno contribuito alla creazione del mio immaginario, del mondo segnico e della palette neo-espressionista del mio fare pittorico.

Tutto ciò unito ad una continua ricerca di tecniche, di materiali e di supporti che utilizzo in maniera artigianale: tavole, compensati, reticolari, metalli, plastiche mi hanno sempre ispirato una costruzione quasi da carpenteria delle mie opere.

L’incontro con l’arte e la personalità di Lucien Freud, Bacon e Saul Steinberg; lo studio della psicologia dell’arte e della percezione visiva fatto sui saggi di Ernst Gombrich, Rudolf Arnheim e Luciano Anceschi, sono i passaggi fondamentali della mia genesi artistica.

Della rappresentazione pittorica, mi attrae la possibilità di addensare sulla stessa superficie linee reali e percezioni ideali dello spazio restituendole in forme quotidiane seppure compendiate ed emotive. Sedimento colore e materia su supporti che non hanno obblighi formali o misure standard e creo immagini dove forme ed oggetti si liberano dalla loro pura materialità oggettiva.

Ciò che mi chiedo quando dipingo è come poter rendere la rappresentazione delle cose in mutamento costante: creare un processo e non una sostanza, questo mi interessa. La visione deve fluire, tanto da rendere impossibile guardarla due volte nello stesso modo.

Per questo le mie opere sono un non-luogo – una sorta di tempio mentale su cui si proiettano ricordi, visioni, sogni – dove forme e figure, dalla fitta trama materica e colorica, definiscono lo spazio e attraggono chi guarda su qualcosa di visto ma non osservato: un altrove emotivo dove ad ogni sguardo tutto ricomincia in una nuova dimensione visiva.

EVENTI 

 
Land art al Furlo VII 21 agosto - 18 settembre 
Casa degli artisti Sant'Anna del Furlo
 
H&H Color Lab
Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web . Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego in conformità con la Cookies Policy | Chiudi